Twitter → Rimango dell'idea che @frencimarsaglia sia un libro aperto di tecnica. Dovrebbero far vedere a scuola sci le sue discese e dire così si fa.

Quando Newey ha fatto cilecca - McLaren Mp4/18

Pubblicato il 22 Gennaio 2016 - Condividi su Twitter, Facebook, Google+

Quando in Formula 1 si parla di tecnica si possono citare tanti personaggi che hanno fatto la storia delle corse; limitandosi agli ultimi trent’anni il primo nome che viene in mente è quello di Adrian Newey. Non potrebbe essere altrimenti dato che l’inglese ha più volte dimostrato di avere in tasca soluzioni geniali per mettere in pista la vettura più competitiva. Tanto per citarlo: il diavolo sta nei dettagli.

Quasi come Re Mida

Adrian Newey, trovata su www.forma1-live.hu

Adrian Newey, trovata su www.forma1-live.hu

Ovviamente la carriera di Newey non è esente da annate in cui le sue vetture hanno preso paga da altre scuderie, perché la Formula 1 è un ambiente competitivo e fanno in fretta a farti le scarpe, ma facendo un bilancio generale sul lungo periodo verrebbe quasi da immaginarlo come un Re Mida della tecnica. Per dire: la Williams del 1992 e la Red Bull del 2013 sono uscite dalla sua matita.

Fonte: youtube.com

Quasi, per l'appunto. La McLaren – Mercedes Mp4/18 è l'unica vettura in cui il tocco (e che tocco!) di Newey non ha trasformato il disegno in oro. Grossolanamente si è trasformato in altro. Di cui tacciamo la natura perché siamo educati. Un vero peccato, perché la McLaren in questione montava delle soluzioni davvero innovative.

McLaren Mercedes Mp4-18, trovata su i.wheelsage.org

McLaren Mercedes Mp4-18, trovata su i.wheelsage.org

Tempo fa avevamo dedicato un articolo alle unraced, focalizzandoci (peraltro senza chiudere il discorso) sulla creatività giapponese degli Anni Novanta: questa volta vedremo cosa hanno pensato in Europa, nel segno della creatività che non ha mai corso una gara.

Troppo radicale?

La Stagione 2002 ha visto il dominio netto del trio Schumacher - Barrichello - F2002 e Ron Dennis, uno che a perdere non ci tiene per niente, per il 2003 era stato chiaro: stare davanti alle Rosse di Maranello, costi quello che costi, niente compromessi. Più facile di così. Si parte dal foglio bianco e l'esercizo è disegnare quello che lo stato dell'arte consente per essere più veloci.

Di nuovo la McLaren Mercedes Mp4-18 in azione, trovata su www.carautoportal.com

Di nuovo la McLaren Mercedes Mp4-18 in azione, trovata su www.carautoportal.com

A Paragon (l'avveniristica sede della McLaren a Woking) hanno già in organico Adrian Newey e Neil Oatley, ma per essere sicuri di essere al passo su tutti gli aspetti tecnici, prelevano dalla concorrenza Coughlan (telaio), Sutton (cambio) e Laurenz (motore). Come trovarsi due matte servite al primo giro di Scala Quaranta.

McLaren Mercedes Mp4-18 in azione da davanti, trovata su i.wheelsage.org

McLaren Mercedes Mp4-18 in azione da davanti, trovata su i.wheelsage.org

All'inizio dell'anno in McLaren pianificano l'impiego di una Mp4/17 rimaneggiata (chiamata Mp4/17D) per le prime gare del Campionato: si direbbe che stanno seguendo la stessa strategia della Ferrari per ritagliare qualche settimana in più per l'affinamento del progetto. Dalla fabbrica trapelano voci di una monoposto estrema e radicale, quindi il ritardo di messa in pista non sembra una trovata campata per aria. Solo che la Mp4/18 farà il suo debutto in pista il 21 Maggio 2003 e non perché se la siano presa eccessivamente comoda.

Fonte: youtube.com

La Mp4/18 presenta il marchio di fabbrica dei progetti di Newey: compattare il più possibile. Così facendo l'aerodinamica è più pulita e si è più leggeri, quindi si possono disporre meglio le zavorre migliorando le qualità inerziali della vettura. Come primo risultato, al primo test in pista, i meccanici lamentano una certa scomodità a lavorare sulla monoposto. E non si può neanche biasimarli dato che motore e cambio sono difficilmente raggiungibili, se non smontando una discreta parte del blocco sospensioni posteriore.

Fonte: youtube.com

Il concetto aerodinamico è totalmente nuovo. La zona anteriore presenta un musetto blandamente rialzato che tende a rastremare verso l'avantreno, in una originale (per l'epoca) configurazione a formichiere, mentre il piano dell'ala sporge ben oltre la punta del naso. Si tratta di una soluzione inedita per le vetture dei primi Anni Duemila e la ragione di tale soluzione è che la punta stessa non vada ad influenzare la corrente che investe l'ala. Nell'ottica di migliorare i flussi d'aria attorno alla vettura, Newey opta per delle pance molto rastremate e, con una decisione controcorrente, fa soffiare gli scarichi nel diffusore posteriore: se in Ferrari avevano dato luogo a una mezza rivoluzione facendo soffiare gli scarichi verso l'alto (migliorando così il raffreddamento della vettura e potendo giocare con le temperature dei gas nella zona posteriore), il tecnico inglese decide l'opposto, cercando di sfruttare l'effetto di estrazione più efficiente che garantisce più carico al posteriore in fase di accelerazione, migliorando notevolmente la trazione. Effettivamente in fase di rilascio e frenata (con gli scarichi che non soffiano) ci sarebbe una repentina perdita di carico, ma a Woking decidono che vale la pena percorrere questa strada tecnica.

La F2002, come si nota, ha gli scarichi alti e pure carenati... soprattutto #KEEPFIGHTINGMICHAEL, trovata su i.imgur.com

La F2002, come si nota, ha gli scarichi alti e pure carenati... soprattutto #KEEPFIGHTINGMICHAEL, trovata su i.imgur.com

Tecnicamente raffinatissima, ma elegante nelle linee e nella livrea West, la Mp4/18 palesa subito problemi. E anche belli grossi. Ancora prima di scendere in pista, il ricercato disegno delle pance laterali si dimostra troppo fragile, tanto che la McLaren è stata bocciata per ben due volte al crash test obbligatorio e la soluzione del problema ha ritardato di parecchio il debutto in pista. A Woking hanno una mezza idea di farla esordire in gara a circa un terzo di Campionato: sembra un’eternità, ma la Mp4/17D si sta comportando bene e a Maranello hanno aspettato il rientro dalla trasferta extra Europea per avere entrambi i piloti alla guida del nuovo modello. Si tratta di aspettare un paio di appuntamenti in più. Comunque, sarà una stima dettata da molto ottimismo.

McLaren Mercedes Mp4-18 in azione da tre quarti, trovata su http://www.f1fanatic.co.uk

McLaren Mercedes Mp4-18 in azione da tre quarti, trovata su http://www.f1fanatic.co.uk

Una volta messa in pista, si nota che la vettura ha problemi di bilanciamento, tanto che Wurz sbatte forte per due volte a pochi giorni di distanza. In più il motore Mercedes FO 110P è fragile ed è affetto da un cronico problema di surriscaldamento e uno dei primi interventi dei tecnici di Woking è quello di cambiare la disposizione degli scarichi. La Mp4/17D è sì competitiva nei confronti delle Rosse, ma quando la F2003-GA entra a regime solo i miracoli alla guida di Kimi riescono a tenere aperto il Campionato (che si aggiudicherà Schumi con due punti di vantaggio sul finnico): a Paragon devono decidere che cosa fare con il nuovo modello. Ad Agosto, alla fine di una sessione di test, si riscontra che le temperature troppo elevate nella scatola del cambio hanno innescato il processo di delaminazione dello strato termoresistente: Ron Dennis ne ha abbastanza e decide di pensionare la Mp4/18. Niente Gran Premi, solo test (con la denominazione Mp4/18X) per le McLaren che verranno.

Dieci anni dopo

Fonte: youtube.com

Alla fine è stato un fallimento totale. Peccato. La Mp4/18 era fin troppo avveniristica per il 2003 ed è stato uno dei migliori esercizi possibili mai visti in pista per quanto riguarda l’esplorazione dello stato dell'arte della tecnologia disponibile: non è un caso se molte delle soluzioni sono state riciclate (in maniera vincente) anche dieci anni dopo. E, come fanno notare molti, la debàcle di questo modello è stato l'atto conclusivo del rapporto tra Ron Dennis e Adrian Newey, il quale passerà alla Red Bull. Che, guarda caso, con la soluzione degli scarichi bassi qualche anno dopo vincerà a mani basse.

ANIMA DEL COMMERCIO...

COOKIE LAW - PRIVACY

SCI - PENSIERI E PAROLE

ARDUINO UNO

CHE NE SAI TU DI UN VIAGGIO IN INGHILTERRA

SEGUICI

OfficialROAR è dovunque (o quasi)...

COLLEGAMENTI (PERSONE)

Il sito di BaldinC Studio Legale Castelli Il sito di LongoSteph Il sito di Tyreal

SITI AMICI

iLucianos Club Alpino Cugini

COLLABORAZIONI VIDEO

Amazing Grace - Il Video Duckumentary - Il Video Cremona - Il Video

DAMMI SOLO UN MINUTO

One Minute Of Roar
→ Copyright © 2006-2016 www.officialroar.altervista.org. → CopyrightXHTMLCSS.